Registrati
Ti sarà inviata una password per E-mail

Il nostro Premier, ce la mette tutta, ma proprio non riesce ad essere, un vero Politico.
Pensate solo, che per promuovere la sua campagna del SI,  relativamente al  referendum costituzionale, ha gridato forte e chiaro all’ Italia:

“SE VINCE IL NO, TORNIAMO INDIETRO DI 30 ANNI”

Matteuccio bello, in questo modo hai spronato gli indecisi a votare l’opposto.
Tra “Air Force One Renzi” e cene alla casa bianca, stai praticamente sottovalutando l’importanza di questo voto che, oltre ad ostacolare questo miserabile processo di vendita totale del nostro paese, è l’occasione per  dimostrare la diffusa volontà di liberarci dalle catene europee;
Non è un caso che il voto al nostro referendum, è visto con molto interesse da tanti analisti internazionali.
Inutile i tentativi, mediocri e mendaci, di voler a tutti i costi farci apparire il tuo SI, come una forma di sano cambiamento e , come più volte hai ripetuto, un passo che permetterà alla democrazia di poter funzionare;
Matteuccio bello, continui a sbagliare; Questi discorsi ricchi di vellutati “cambiamenti” e di fiorenti “futuri” guidati da una schiavitù democratica, sono gli stessi che noi Italiani abbiamo sentito dai tuoi predecessori, risultato ?  suicidio “EURO”.
Ricordiamo e non dimentichiamo come siamo stati ingannati.
Il tutto  promosso e propagandato dagli stessi quotidiani e giornalisti, figli della disinformazione e precursori del maligno e sadico progetto denominato “globalizzazione”.
Mattè, come puoi minimamente credere, in questa situazione sociale, culturale ed economica, che gli Italiani ci ricaschino ?

SE VINCE IL NO, TORNIAMO INDIETRO DI 30 ANNI

Bene, parli del 1986, avevi 11 anni Matteuccio bello !

Era il tempo in cui eravamo invidiati dal mondo intero, si proprio così Matteuccio, nel nostro paese regnava fiducia e benessere.

La Vespa con gli adesivi attaccati, tanto la benzina costava 0.65 al litro.
Partite a calcio per strada con zainetti che facevano da palo.
Giochi senza frontiere, la Carrà ed un vero Benigni http://www.spaccanapoliblog.it/benigni-non-fa-ridere-piu/.
Colazione con latte caldo insieme a tutta la famiglia.
I like erano sorrisi, gli stati parole.
I bulli non erano tanto pubblicizzati e inconsciamente ti aiutavano a crescere.
Instagram era una polaroid.
Il social era reale, non virtuale.
Il lavoro non era retribuito con voucher.
Mattè, non esisteva una tipografia privata per commissionare la stampa delle nostre banconote.

Che cambiamento ci proponi ? Quale passo avanti millanti ?
Ci dispiace, ma ci vendi degrado per progresso e democrazia per annientamento, non lo accettiamo, non rifacciamo gli stessi errori; Siamo un paese ricco di storia e cultura, abbiamo dato esempi di civiltà al mondo intero, la nostra tradizione ed i nostri costumi sono già stati messi terribilmente alla prova.
Vogliamo semplicemente vivere dignitosamente, conservando e tutelando la nostra più grande fortuna, quella cioè, di essere nati in Italia.
Il segnale del NO è forte e chiaro; Non lasciamoci ingannare da questa informazione ingannevole che vuole a tutti i costi, farci apparire “non a passo con i tempi”.
Il NO vuol dire basta, e mette alla luce quella voglia reale e sensata di voler ritornare alla nostra sovranità.
Il progetto del Nuovo Ordine Mondiale oramai  è chiaro : cancellazione della propria identità, incertezza e precarietà nel futuro, monopolio dell’informazione, induzione ad un caos che non fa altro che accelerare il processo di schiavizzazione.
Basta anche con questa fasulla propaganda che etichetta come razzisti, chi è contrario a questa “immigrazione”; siamo l’esempio lampante del luogo che sa ben accogliere diverse culture e religioni ma questa è un’ invasione architettata proprio da chi si nasconde sotto la bandiera dell’anti-razzismo per promuovere il culto della mescolanza.

Io Voto No, Matteuccio…
[]
1 Step 1
Riproduzione

Gli articoli apparsi originariamente su questo sito possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla, che si specifichi la fonte – il sito web Spaccanapoliblog http://www.spaccanapoliblog.it – e che si pubblichi anche questa precisazione. Per gli articoli ripresi da altre fonti, si consultino i rispettivi siti o autori.

Previous
Next

 

 

Facebook Comments

Scrivi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi