Registrati
Ti sarà inviata una password per E-mail
Chi l’avrebbe mai detto ?
Un paese che ha sempre ricevuto appoggi ed aiuti dall’Occidente a livello sanitario, lotte per i diritti umanitari,  sostegno per la ricostruzione di edifici e tanto altro, rivelarsi uno stato a sostegno delle politiche terroristiche delle cellule estremiste islamiche
Eppure grazie ad un duro lavoro di intelligence coordinata da una squadra di esperti sotto la guida di una stretta collaborazione tra CIA e servizi segreti di vari stati nata per la lotta al terrorismo emerge senza ombra di dubbio tale cruda verità.
Da due anni è stato tenuto in stretta osservazione il presidente di tale paese A. M. in carica dal 1996, che a dire il vero non è nuovo per il suo nazionalismo arabo ed i disordini che ha creato in nord africa , suscitando tanta incertezza su vari casi di torture effettuate dai suoi gendarmi.
Eletto grazie ad una maggioranza pari all’ 90%, contestata tutt’oggi dai propri avversari, tenendo presente anche che tutti gli altri candidati si erano “stranamente” ritirati dall’elezione.
Erano tutti campanelli d’allarme e sono state queste le ragioni insieme ad altre informazioni riservate a dare il via a questa operazione di spionaggio internazionale.
Emergono intercettazioni, foto e video inquietanti dove si vede la partecipazione del presidente e numerosi altri membri governativi del paese in questione ad incontri con noti terroristi “ricercati” e persone in stretto legame con cellule sparse nel mondo arabo.
In particolare il paese, oltre a dare  rifugio a tali persone, risulta in prima linea come complice di tanti attentati in europa e stati uniti.

vlcsnap-2016-04-30-10h47m06s120-kzFG-U108036043427LAG-428x240@LaStampa.it

Dal rapporto ufficiale saltano fuori dati inquietanti;
  • 25/7/1995 attentato a Parigi rivendicato dal gruppo islamico armato del paese, i 5 attentatori possedevano passaporti diplomatici e tutti a distanza di qualche giorno hanno volato con la compagnia statale del paese
    13/11/2015 attentato a Parigi, teatro Bataclan, gli attentatori usano kalashnikov dai in dotazione all’esercito del paese, il quale con un comunicato invia foto di una dubbia denuncia di furto subita nel 2006 (smentita poichè la fabbricazione delle armi risale al 2008); stessa compagnia aerea

    image

  • 07/08/1998 attentati alle ambasciate americane in kenya e tanzania, dopo ben 7 anni si apprese la notizia che chiari indizi portavano alla partecipazione di tale paese poichè 2 dei 5 attentatori svolgevano azioni di spionaggio per il paese.
Il comunicato composto da 1456 pagine conclude riassumendo il ruole del Presidente e del Paese in queste organizzazioni dell’orrore :
  • Appoggio e rifugio a ricercati terroristici
  • Fornitura di documenti “autentici” non falsi per bypassare sicurezze e controlli

    Passeports

  • Istruzioni su misure attuate dai vari paesi per la gestione dei luoghi pubblici in materia di terrorismo (Il Paese è in possesso di tante informazioni poichè è membro del Organizzazione Occidentale anti Terrorismo)
  • Appoggio della propria compagnia aerea (completamente Statale) per voli in Europa e Stati Uniti
In quelle pagine, viene descritta come in un copione di un film horror , lo spregevole coinvolgimento di gente di Stato e di Potere nella morte di numerosi innocenti.
Il Paese in questione è :

 

 

 

 

 

 

“OZ”

316OzEmeraldCity

ebbene sì, tutto inventato,  con il solo intento di mostrare quanto possa plagiare l’informazione e il bombardamento mediatico, etichettando “Noi” come popolo occidentale civilizzato, portatore di pace, e definendo “loro” popolo estremista psicolabile e fortemente pericoloso, alimentando l’odio tra popoli, cercando in maniera quasi ossessiva di scindere due realtà  nate all’unisono. Dietro la costruzione di mostri e di mali vi è sempre il progetto di chi fa i propri interessi.

“L’informazione è l’arma più letale”

Penso a :
SIRIA

IRAN E NORD COREA

http://www.imolaoggi.it/2015/02/24/smontata-la-bufala-dellatomica-iraniana-comincia-quella-della-nord-corea/

11 SETTEMBRE

 

 

Facebook Comments

Scrivi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi