Registrati
Ti sarà inviata una password per E-mail

SEI FAVOREVOLE ALL'USCITA DELL'ITALIA DALL'UNIONE EUROPEA?

View Results

Loading ... Loading ...

______________________________________________________________________________________________________________________________________

E’ l’epoca in cui la bestializzazione ops scusate, la globalizzazione tende a debilitare, tra le varie cose, sempre più la nostra lingua Nazionale; a quanto pare i concetti di tipicità e identità risultano alquanto stretti a tale luciferino progetto.
Naturalmente i mezzi più distruttivi e propagandistici risultano, come al solito, i media e la stampa che contaminano e lasciano penetrare nella quotidiana comunicazione sempre più termini ed espressioni inglesi, mentre con i film e le serie si tende di consueto a elevare modelli culturali anglosassoni, denigrando o eclissando il resto.
Anche la politica naturalmente, gioca il suo ruolo in questo processo di distruzione, utilizzando termini “moderni”per descrivere progetti del governo Italiano o addirittura figure istituzionali:

“il nostro Premier parla di Jobs Act e Fiscal Compact“, che fighi che siamo.

Quest’imposizione diventa sempre più aggressiva e necessaria, trasformandosi a mio avviso in un vero e proprio processo di imperialismo culturale che nutre rispetto alcuno per la lingua di sommi poeti o grandi filosofi poichè, al giorno d’oggi, ciò che conta in occidente è finanza ed economia; difatti l’inglese che si vuole a tutti i costi spandere nel nostro lessico è un inglese figlio della cosiddetta Global Governance, una lingua quindi voluta dai mercati e dalla finanza, innescando inevitabilmente una posizione di subordinazione rispetto al paese matrice dell’idioma.

E’ oramai diffusa la convinzione che arricchire o impoverire il proprio discorso di termini anglosassoni  regali un tocco di modernità e progresso senza renderci conto che stiamo calpestando la nostra identità e sostenendo la politica dei giganti.
Del resto questa metamorfosi è globale e con il grido “non restiamo indietro” nasconde la sua tendeza a demolire usi e costumi locali provocando inevitabilmente appiattimento culturale e privandoci dal beneficio del relazionarsi.

[]
1 Step 1
Riproduzione

Gli articoli apparsi originariamente su questo sito possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla, che si specifichi la fonte – il sito web Spaccanapoliblog http://www.spaccanapoliblog.it – e che si pubblichi anche questa precisazione. Per gli articoli ripresi da altre fonti, si consultino i rispettivi siti o autori.

Previous
Next

 

Facebook Comments

Scrivi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi