Registrati
Ti sarà inviata una password per E-mail

Da sempre descritta come l’evento negativo per eccellenza.
Cupa, tetra, dalle sembianze demoniache, intesa semplicemente come la fine del cammino.

Eppure esaminandola attentamente, anche la morte ha un suo perchè.

E’ la parte finale della vita, l’ultimo atto, è misteriosa quanto è misterioso l’inizio di tutto, e lei che ci conduce alla verità.
Chi avrà ragione:
Sarà come dicono i cristiani, l’inizio del viaggio per la vita eterna oppure ci sarà una resurrezione fisica e spirituale come affermano i musulmani o sarà la dottrina buddhista ad avere la meglio… lo scopriremo solo morendo.

Ebbene sì, non è scritto in nessun libro o meglio nessuno può averne la certezza, solo coloro che hanno terminato l’esistenza terrena ne sono a conoscenza.
Impossibile saperlo, e non sempre si incontra la sensitiva del film ghost.

Rapportando quest’evento all’attuale situazione storica, la morte non ritrova solo un certo fascino nella conoscenza del ignoto, ma bensì risultando il mezzo grazie al quale si pone fine a questo strano modo di vivere che ci siamo imposti.
Tralasciando, chi muore in situazioni disastrate come in africa o asia, sarebbe infatti troppo semplice descrivere il valore che assume per un soggetto che patisce quelle sofferenze, analizziamo il suo valore nella nostra società occidentale.

Nasci, ormai senza sapere neanche tu se devi indossare una maschera subacquea oppure devi fare attenzione che con il bisturi non taglino anche te; Eccoti subito qualche schiaffo dato per abituarti alla vita o per iniziare a respirare e poco dopo ti ritrovi tutte quelle facce rugose e divertite che ti salutano ma che allo stesso tempo ti alitano sul tuo bel faccino.
Cresci e tra vaccini o non vaccini, cibo bio o diete vegane, inizi a capire che l’unica cosa da fare è produrre.

Libri, tv, web, genitori, amici ti suggeriscono come vivere, cosa sia il giusto, e cosa comprare per vivere meglio, senza fare troppi giri di parole, ti ritrovi a dover letteralmente sgobbare per pagarti le rate dell’auto, dell’iphone, dello schermo curvo, pagare la multa entro la scadenza altrimenti ti portano via anche la tua casa che “tua” forse non è, aprire un c/c e pagarti le spese, e la cosa assurda è che tutto ciò ti risulterà normale !!

Poche volte avrai la reale sensazione di pensare..che bella la vita !! ma di certo non sarà mai conseguenza di un acquisto , ma lo dirai quando ti ritroverai a vivere un sorriso sincero, quando riuscirai ad aiutare qualcuno, quando la natura ti renderà partecipe delle sue doti artistiche .

Praticamente la normalità intesa per noi occidentali sta nel produrre per pagarti l’inutile.

Il centro della nostra esistenza sta nel rapportarci con il denaro.. “è un egoista non mi da soldi, è un altruista mi aiuta a pagare le rate, è un uomo affascinante poichè è ben vestito e regala diamanti è uno straccione poichè non ha una lira”.

In effetti ti ritrovi a dover sopravvivere in questo stato di cose, ma prima o poi viene lei e senza esitare ti sussurra .. dai su vieni, ti porto via, è tutto finito.

Altra caratteristica è un altruismo senza precedenti, difatti è Lei che ci invita a ragionare sul reale senso della vita, già, che paradosso !!
Facciamoci caso, quando viene a mancare un parente, un amico o un conoscente è sempre in quei momenti che ci poniamo le giuste domande: La vita cos’è ? Sto vivendo bene ?, Ne vale la pena ? anche se dopo 10 minuti, siamo di nuovo sommersi nella solita routine.

La dipingiamo sempre con colori scuri, l’odiamo, eppure, come diceva Totò, non esiste cosa più equa . Sì, proprio così, principe o spazzino, cristiano o musulmano, americano o vietnamite, Lei non fa differenza, arriva indistintamente per tutti.. e ci pone tutti sullo stesso piano; per cui ti rendi conto che non è la legge ad essere uguale per tutti, bensì la morte.

Sono dell’idea che anticipare volutamente il suo arrivo non è mai cosa giusta, ma comprendo chi, a prescindere dalla propria volontà, è tormentato da dolori lancinanti e senza alcuna possibilità di ripresa ne implora l’arrivo.

Mi spiace che sia impressa nelle nostre menti come un entità senza volto, cappuccio nero e falce , magari sarà una bella Donna vestita di bianco che prendendoci per mano ci accompagnerà in un’ altra dimensione..chisà.. lo scopriremo solo morendo.

[]
1 Step 1
Riproduzione

Gli articoli apparsi originariamente su questo sito possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla, che si specifichi la fonte – il sito web Spaccanapoliblog http://www.spaccanapoliblog.it – e che si pubblichi anche questa precisazione. Per gli articoli ripresi da altre fonti, si consultino i rispettivi siti o autori.

Previous
Next

 

Facebook Comments

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi