Registrati
Ti sarà inviata una password per E-mail
a cura di: Alex DeLarge - moderatrice: Ivana Migani

Se  ancora persiste questa tipologia di società, intesa nella pluralità dei significati che racchiude, è grazie all’ausilio di un’enorme quantità di persone che tutt’oggi accetta, assimila e si riconosce negli attuali dogmi  propagandati dalla moderna dottrina dominante.

Questi soggetti patologici, seguaci del blasfemo, sono del tutto narcotizzati e privi di alcun senso critico.
Non osano più farsi domande poiché, nella condizione sociale più elevata  in cui il denaro funge da unità di misura, ritrovano la loro risposta universale.

Di consueto si autoproclamano giudici popolari e aprendo bocca emanano, oltre che un fastidioso miasma, le loro severe condanne nei confronti di chi, e in merito a eventi di cui non conoscono minimamente né origine, né cause, né alcun meccanismo.
Eppure leggono giornali, ascoltano notiziari e spesso risultano laureati con il massimo dei voti.
Il problema sorge proprio nella loro diligenza, che vieta loro di svolgere ricerche approfondite o semplicemente di porsi domande basilari.
L’attuale formazione  impone un concetto fondamentale: la Scienza “ufficiale” è custode della verità, inutile e insensato approfondire o nutrire dubbi cadendo nel ghetto dei “complottisti”.

Rappresentano la mandria sostenitrice di questo europeismo scellerato; vedono “democrazia”  in missili “intelligenti”; percepiscono rinnovamento e soluzioni nelle attuali riforme “precarie” distruttrici di conquiste sociali; vestono con abiti costosi,  smartphone di ultima generazione  e auto di lusso, rappresentando in pieno i canoni di chi si ritrova socialmente inserito e accettato, ma che fondamentalmente è maggiormente piegato dal vizio e in perenne perdita di valori con conseguente stato di insoddisfazione, somigliando in modo sempre più evidente a una bestia che non riesce a ritrovare il proprio equilibrio.

Questa categoria di nullità risulta praticamente quella fascia di persone più facilmente manipolabile e sono semplicemente considerati “il tramite”, utile alla diffusione nel popolo.

Servono a  propagandare anti-razzismo, permettendo ai loro superiori di  generare tacitamente inflazione e abbattimento di costo del lavoro,  vaccinati di convinzioni per contaminarci di virus.
Quando la finanza si rivolge al popolo, è propria quella la categoria di persone che vuole che l’ascolti  poiché risulta taciturna e obbediente.

Rispondere a semplici domande  non rientra nella loro competenza o specificità, attaccano chiunque cerchi di sollevare tali questioni con il termine di “populista” rivelandosi come belve inferocite non curanti neanche del proprio habitat.
Domande le cui risposte   non necessitano di eccelsi studiosi di Harvard, poiché dettate da semplici intuizioni di natura umana:

Perché bisogna accettare che faccia più notizia il calo del 4% della borsa di Milano piuttosto che l’anziano morto congelato senza un tetto ad Amatrice?

Per quale sacrosanta ragione bisogna stanziare fondi esorbitanti per salvare banche da fallimenti e non un centesimo a chi è vittima di eventi naturali catastrofici?

Chi  diffonde queste campagne “separatrici” su vaccini, droghe leggere, nutrizione e  genesi di nuove tipologie di famiglie, senza minimamente stimolare solidarietà nei confronti di quei bambini che per sopravvivere mangiano la loro stessa defecazione?

Perché nessun notiziario o alcun politico ci illumina sul fatto che, nonostante sia accertata l’inesistenza  di armi chimiche o nucleari in alcuni Paesi bombardati e martoriati per chissà quale ragione, nessuno provvede a emettere sentenze o sanzioni?

Per quale automatismo i Palestinesi devono subire questa civilissima invasione? La Terra Promessa da Dio?

Se realmente Dio avesse promesso uno scempio del genere mi convertirei a Satana che di certo non è capace di tale atrocità.

Il progresso e la modernizzazione sono semplicemente rappresentati da queste ultime campagne “sociali” promosse dai soliti nomi e tanto a cuore ai socialmente inseriti:
associazioni e movimenti per la distruzione degli uomini già nel seno della madre; pornografia libera e per tutti; legalizzazione di droghe; eutanasia che inizia a far passi da gigante per avvicinarsi sempre di più agli accidentati della vita, i disturbati, i traumatizzati, per poi finire anche agli improduttivi; lotte per una sterilizzazione globale che mette sempre più in contrasto la Natura con la Società.
Il tutto veicolato da organizzazioni ben più elevate e competenti etichettate di ufficialità poiché parlano bene e razzolano male, il primato va all’ONU.

Senza amor proprio e senza ricerca alcuna,  poiché tutto ciò che stiamo vivendo non è ricollegabile a nessuna casualità o ancor meno alla nostra Natura.
In questo momento stiamo lavorando, con discrezione ma con tutta la nostra forza, per strappare dalla presa degli stati nazionali locali del nostro mondo questa forza misteriosa che si chiama sovranità” 1931 parole del massone Toynbee in una conferenza a Copenaghen; e ancora: “l’uomo del futuro sarà di sangue misto. La razza futura euroasiatica-negroide, estremamente simile agli antichi egiziani, sostituirà la molteplicità dei popoli con una molteplicità di personalità” 1925 dal libro “Praktischer Idealismus” del massone Kalergi; e ancora: “l’iniziazione predica e insegna: MORTE ALLA RAGIONE. Solo quando la ragione sarà morta , allora nascerà il nuovo uomo dell’Era veniente, il vero iniziato” parole del massone Francesco Brunelli (1927-1982).
Ecco il motivo per cui i cosiddetti “socialmente inseriti” non sono altro che bestie partorite da questa follia.
[]
1 Step 1
Riproduzione

Gli articoli apparsi originariamente su questo sito possono essere riprodotti liberamente, sia in formato elettronico che su carta, a condizione che non si cambi nulla, che si specifichi la fonte – il sito web Spaccanapoliblog http://www.spaccanapoliblog.it – e che si pubblichi anche questa precisazione. Per gli articoli ripresi da altre fonti, si consultino i rispettivi siti o autori.

Previous
Next

Facebook Comments

Scrivi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi